CONTRATTI GAS AT 19-20

CONTRATTI GAS AT 19-20

L’anno termico 18-19 è stato un anno di controtendenza per i prezzi all’ingrosso del gas naturale, caratterizzato da aumenti, nei mesi invernali, nell’ordine di 8-10 eurocent/mc.

Come nel caso dell’energia elettrica, i fattori stagionali (temperatura) sono diventati meno determinanti per la formazione dei prezzi, sempre più sensibili, invece, ai movimenti politico/economici internazionali. Le temperature relativamente miti dell’inverno 2018-2019 e il conseguente elevato costo degli stoccaggi (a marzo 2019 erano 10 volte più alti del corrispondente periodo 2018) hanno sostenuto i prezzi all’ingrosso fino all’apertura della campagna di rinnovo contrattuale per l’anno termico 19-20 (estate inoltrata). L’andamento della curva dei prezzi è stato oscillante (non lineare) e la forbice (spread winter-summer) fra prezzi estivi e invernali si è ridotta, rendendo quindi meno interessanti i prezzi estivi (più vicini a quelli invernali).

Il mese di settembre 2019 si è aperto con le quotazioni mediamente più basse del periodo; la decisione del  governo olandese di diminuire  nell’immediato i flussi dall’impianto di Groningen del 40% (causa il perdurare del rischio sismico dopo il terremoto di maggio) e di chiudere entro il 2022 (8 anni prima della scadenza della concessione) ha fatto riallineare i prezzi a quelli primaverili.

Sui rialzi ha influito anche la decisione del tribunale europeo di non aumentare la capacità di transito dei flussi gas dal gasdotto Nord Stream 2 (già accettati dalla Commissio-ne europea). Il gasdotto, fortemente voluto dalla Germania, ha rafforzato la posizione commerciale di Gazprom bypassando l’Ucraina e la Polonia che si sono appellati, uscendone vincitori, al principio di solidarietà energetica.

In una situazione così complessa e mutevole, Consenergy2000 ha avviato le trattative di rinnovo contrattuale per l’anno termico 19-20. Il lavoro di aggregazione, profilazione dei volumi e gestione svolto dal Consorzio ha consentito di mantenere i prezzi comunque adeguati al mercato(normalmente leggermente inferiori) e di scegliere un prodotto adatto allo specifico consumo dell’utilizzatore, ovvero:

- per i consumatori termici (consumatori di gas per prevalente uso riscaldamento con consumi concentrati per oltre 80% sui mesi da ottobre a marzo): prezzo fisso, insensibile agli aumenti che di solito si verificano nei trimestri invernali; diversamente dagli anni scorsi, il prezzo dei dodici mesi è stato fissato in più lotti, proprio per riuscire a sfruttare al massimo le oscillazioni offerte dal mercato nella primavera/estate; è stata utilizzata quindi anche per consumatori piccoli una tecnica di acquisto normalmente applicata ai consumatori industriali, con, riteniamo, buoni risultati.

- per i consumatori industriali: prodotto a gestione, ovvero in grado di sfruttare le fluttuazioni dei prezzi,  lo scorporo dei volumi in piccoli lotti e maggiori opportunità di gestire in modo controllato la formazione del prezzo finale. Inoltre, il prodotto a gestione targato “Consenergy2000” consente di aggregare in modo innovativo profili industriali di consumo completamente diversi tra loro mantenendo, e non uniformando, le caratteristiche specifiche e le esigenze di ognuno, senza alcun rischio di penali e oneri di sbilanciamento/programmazione di volumi.

I risultati ottenuti lavorando esclusivamente con i tre strumenti dell’aggregazione, profilazione e gestione si evidenziano nei dati seguenti.

Partito con l’acquisto del gas naturale nell’anno 2012 Consenergy2000 gestisce oggi due gruppi di acquisto di gas naturale per piccoli consumatori termici ed industriali ed un volume complessivo di poco inferiore ai 10 milioni di metri cubi distribuiti su 180 contatori.

Nell’anno termico 18-19, caratterizzato dall’andamento già desscritto, i consumatori invernali di gas aderenti a Consenergy2000 hanno comunque risparmiato complessivamente quasi 100.000 euro di gas con una media di oltre 500 euro a contatore.

Ma il prezzo non è tutto. Il contratto di gruppo consente alla struttura consortile di avere accesso ai dati di fornitura e alle bollette, in modo da potere garantire ai Consorziati l’immediata e puntuale assistenza tecnica su consumi e fatturazione e la costruzione di profili di consumo specifici per tarare meglio le offerte sulle esigenze specifiche del punto di fornitura.